Incontra Lino Volpe

Scopri il viaggio creativo di un autore appassionato e appassionate di jazz.

Il mio percorso

Un viaggio attraverso la musica e la narrazione

Sono nato a Napoli nel 1968, in una famiglia proletaria. Ho trascorso la mia infanzia giocando a calcio nei vicoli del mio quartiere infrangendo qualche vetro. I miei genitori mi “costrinsero” a studiare all’istituto San Giuseppe Calasanzio, gestito dai padri Scolopi.
 
La radio è stato il mio primo amore. A 14 anni, conducevo un programma tutti i sabati pomeriggio su Radio Mambo, una piccola emittente libera che a stento superava i confini cittadini. Per me era un impegno importante, avevo a disposizione l’archivio di quella emittente, ed in più mi piaceva giocare con mixer, microfoni e tutto il resto.

Poi, una domenica sera, mi imbattei in un programma di Jazz trasmesso da Rai 3. Quell’esperienza cambiò la mia vita, mi si aprì un mondo. Cominciai a comprare qualche disco, cercai i posti, pochi in verità, dove nella mia città suonavano quella musica, e cercai con fatica di proporre alle radio cittadine la possibilità di fare un programma sul jazz.
 
Il risultato fu disastroso, già più di 40 anni fa, il mondo della radiofonia era indirizzato verso scelte commerciali e semplificate, così ebbi una serie di dinieghi, qualche sorriso, e qualche benevolo in bocca al lupo.
 
Poi ebbi la fortuna di incontrare un tizio, che si chiama Mario Rovere, un visionario, che alla fine degli anni ottanta dirigeva il palinsesto di Radio Spazio Uno, un emittente cittadina molto apprezzata in quegli anni. Mi disse di si, mi diede la possibilità di fare un programma sul jazz, e cosa ancora più incredibile, per un buon periodo mi riconobbe anche un discreto rimborso delle spese!
Ho avuto la fortuna nel corso di tutta una vita, di conoscere e scambiare impressioni e pareri con autentici protagonisti e testimoni di questo genere, come: Pierre Michelot, Stéphane Grappelli, Enrico Rava, Toots Thielemans, Mike Stern, Joe Zawinul, Mal Waldron, Steve Lacy, Rita Marcotulli, Anthony Braxton, Rosario Giuliani, Stanley Clarke, Enrico Pieranunzi, Archie Shepp, Dado Moroni, Eddie Gomez, Joe La Barbera, Danilo Rea, Miroslav Vitous, Paolo Fresu, Pat Metheny, Giuliette Grecò, Roberto Gatto, Charles McPherson, Richard Galliano, Uri Caine, Franco D’ Andrea e tanti altri ancora.
 
Ho avuto inoltre la fortuna di assistere ad alcuni concerti straordinari, come quello del 1988, nel quale Dizzy Gillespie si esibì a Napoli con al sassofono Sam Rivers, e quello nel quale al teatro Delle Palme, ascoltai il Modern Jazz Quartet.
 
Ma l’incontro più straordinario per me fu quello con Massimo Urbani, che ebbi la fortuna di ascoltare durante una puntata nella quale partecipai a “Radio Uno serata Jazz”, insieme a Red Rodney alla tromba.
 
Non meno significative sono state le notti nelle quali ho avuto la fortuna di sentire Antonio Golino, Franco Coppola e Antonio Balsamo all’ Otto Club di Napoli, il locale di Enzo Lucci.
 
Jazz story, le avventure di Tony Monten, è l’ultimo capitolo del mio amore per questa musica, un modo per raccontare l’incredibile epopea di una delle colonne sonore più importanti del secolo scorso.
 
Una maniera di rendere omaggio ai miei, ai nostri eroi, un Romanzo storico, nel quale il protagonista lambisce, osserva e qualche volta dialoga addirittura con i protagonisti della storia del jazz.
 
Tony Monten è anche un omaggio al contributo dato dagli italiani e dai siciliani americani alla nascita e allo sviluppo di questa musica, è un omaggio sentito a Tony Scott, un musicista straordinario, che ho avuto la fortuna di conoscere proprio negli anni in cui lavorai alla Rai, e del quale conservo un ricordo tenero e pieno di affetto.
 
Lino Volpe

Il jazz non è solo musica; è uno stile di vita, una narrazione in attesa di essere raccontata.

Lino Volpe


Creare narrazioni che risuonano attraverso il tempo e la melodia.
La visione del narratore

Armonizzare storia e jazz

La filosofia di Lino è incentrata sulla convinzione che la narrazione e il jazz condividano il potere di trascendere i confini, collegando le anime attraverso i loro ritmi senza tempo.

Attraverso il suo lavoro, mira a onorare le leggende del jazz intrecciando la loro essenza in narrazioni accattivanti, dando vita alla storia con ogni nota.

rIMANI CONNESSO

Iscriviti alla newsletter per rimanere informato sulle ultime notizie, eventi e pubblicazioni.

Email
The form has been submitted successfully!
There has been some error while submitting the form. Please verify all form fields again.
Torna in alto