JAZZ STORY, le avventure di Tony Monten

Jazz Story le avventure di Tony Monten, è un progetto crossover, declinato tra teatro, podcast audio/video e prossimamente in formato libro.

A teatro ha debuttato nel settembre 2021 al Bagnoli Jazz Festival, successivamente è stato ospitato dal teatro Sannazaro di Napoli e dal teatro Villoresi di Monza.

Sinossi, immagini e rassegna stampa dello spettacolo teatrale

Tony Monten, è un impresario artistico, vulcanico e sentimentale, di origine siciliana, nato a New Orleans, noto per essere uno dei più grandi organizzatori della scena jazzistica americana, ma anche per essere ricercato dalla Polizia, dai creditori, e dalle sue 3 mogli, in tutti gli Stati Uniti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 262671209_10224863432000438_7530863817153126059_n-1024x768.jpg
una scena dello spettacolo, con Pietro Condorelli e Gianni D’Argenzio – ph. cortesia di, Andrea Parente,

Tony, racconta la sua vita, legata a doppio filo alla storia del jazz, dal suo nascondiglio di fortuna, nel quale è riparato, per sfuggire alle ire di Frankie La Boia, suo socio in affari nella gestione del Gold Club di New York, al quale ha sottratto ” momentaneamente” 15.000 dollari!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è foto-monten-manifesto-1024x768.jpg
Lino Volpe , interpreta TONY MONTEN

Da Armstrong, ad Al Capone, dalla Chicago degli anni 20, alla New York di Duke Ellington, sino ad arrivare alla cinquantaduesima strada di Charlie Parker, in un continuo susseguirsi di aneddoti divertenti e appassionanti

Il fantomatico Tony Monten nello spettacolo, omaggia i creatori del jazz, dei quali si fregia essere amico e confidente, da Miles Davis, a Lester Young, passando per Dizzy Gillespie e Bud Powell.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è milles-davis-1-1024x752.png
MILES DAVIS – illustrazione di SILVANA ORSI
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1-1024x576.png
La baronessa Pannonica, con Thelonius Monk, illustrazione di Silvana Orsi

La colonna sonora, rigorosamente eseguita dal vivo, si avvale, della presenza in scena di musicisti di primo livello come il sassofonista Rosario Giuliani, il pianista Pietro Lussu, il chitarrista Pietro Condorelli, e il sassofonista Gianni D’Argenzio.

Tony Monten, durante lo spettacolo, si commuove e si infervora, quando sottolinea  il contributo dato al jazz, dai suoi amici italiani, attraverso  aneddoti rocamboleschi, che lo vedono via via al fianco di Tony Scott, Nick La Rocca, Tony Sbarbaro, George Vital “Papa Jack” Laine, Leon Roppolo, Joe Venuti, Eddie Lang  alias Salvatore Massaro, Jimmy Giuffre, Lennie Tristano, Buddy De Franco, sino ad arrivare all’ episodio cardine, che lo vede organizzare uno spettacolo per il suo carissimo amico Dino Crocetti, meglio noto come  Dean Martin!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dean-Martin-png-744x1024.png
DINO CROCETTI, in arte DEAN MARTIN – illustrazione di Silvana Orsi

ESTRATTI DALLA RASSEGNA STAMPA

“Come avvicinarsi, far conoscere e amare un genere musicale di grande impatto? Grazie a Lino Volpe è possibile. Uno spettacolo che non ha eguali.”

Gianni Occhiello –  RAI 3

GRANDE SUCCESSO AL TEATRO SANNAZARO, CON LA MESSA IN SCENA DELLO SPETTACOLO DI LINO VOLPE

“A metà strada tra teatro e musica, Lino Volpe ha messo in scena al Teatro Sannazaro, lo scorso 30 novembre, un delizioso, avvincente e divertente spettacolo “Le avventure di Tony Monten” che, attraverso le folli peripezie del protagonista inventato dallo stesso Volpe, ha ripercorso l’affascinante e coinvolgente storia del jazz…”

Carlo Farina   – 2ANEWS IT

LINO VOLPE INCANTA IL TEATRO SANNAZARO CON “LE AVVENTURE DI TONY MONTEN”

Un meraviglioso spettacolo dal genere ibrido che ripercorre la storia del Jazz attraverso una sensibile cifra narrativa. L’umorismo sottile che tratteggia la storia imprime un senso di leggerezza e godibilità della messa in scena. Il pubblico risponde sul finale con un calorosissimo applauso e abbandona la sala lasciandosi a commenti particolarmente positivi. Non capita tutti i giorni, in tempi frenetici come quelli di oggi, sentire esclamazioni quali “peccato che duri solo un’ora!”.

Roberta Guida – CORRIERE DI NAPOLI

L’EPOPEA DEL JAZZ NELLA STORIA DI TONY MONTEN IDEATA E INTERPRETATA DA LINO VOLPE

“Con una competente e puntuale ricostruzione, in cui non è mancata una personale scala di preferenze, il jazz rivive nei suoi mitici personaggi vissuti e rievocati dai racconti di un Tony Monten nello slang da padrino/siculo, ideato e interpretato da un Lino Volpe in grande forma autoriale/attoriale.”

Pino Cotarelli – TEATROCULTNEWS

TANTISSIMO PUBBLICO UNO SPETTACOLO DAVVERO BEN CONGEGNATO PIENO DI BUONA MUSICA E PIACEVOLISSIMO PER I TESTI E I TEMPI IMPIEGATI. UN SUCCESSO CHIARO E IMMEDIATO, MOLTISSIMI GLI APPLAUSI MERITATISSIMI

 “Uno spettacolo suggestivo e coinvolgente, che ripercorrendo la storia del jazz, attraverso le rocambolesche avventure del fantomatico Tony Monten Jazz e teatro, in un allestimento che a tempo di swing ha portato per mano il pubblico presente nel cuore della musica statunitense.”

Massimiliano Cerrito  –  DOMENICOSCARLATTIUBERALLES

UNO SPETTACOLO INTERESSANTE. HA APERTO UNA GRANDE FINESTRA SULLA CULTURA E SULL’ ARTE IN TUTTE LE SUE FORME.SODDISFAZIONE PALPABILE, COINVOLTO PUBBLICO E PROTAGONISTI

“Lo spettacolo, che ha ricevuto consensi e grande partecipazione di pubblico, ha visto protagonisti eccellenze del teatro e della musica campana: Lino Volpe, Pietro Condorelli e Gianni D’Argenzio. Il teatro e la musica si sono fusi in un viaggio fantastico nella storia della jazz.”

Daniela Vellani – LA VOCE DEL NISSENO

SUCCESSO AL “TEATRO SANNAZARO” DELLO SPETTACOLO “JAZZ STORY – LE AVVENTURE DI TONY MONTEN”, DI LINO VOLPE

“E’ andato in scena, con forte successo di pubblico e di critica, al Teatro Sannazaro di Napoli, lo spettacolo “JAZZ STORY – Le avventure di Tony Monten”, opera voluta, scritta e diretta da Lino Volpe. E’ uno spettacolo interessante, che ripercorre la storia del jazz, attraverso le avventure di un personaggio, singolare, imprevedibile e per alcuni tratti sorprendente, proprio come una jam-session.”

Maurizio Vitiello – IL CONFRONTO

E’ ANDATO IN SCENA AL TEATRO SANNAZARO DI NAPOLI LO SPETTACOLO”JAZZ STORY LE AVVENTURE DI TONY MONTEN” SCRITTO E DIRETTO DA LINO VOLPE

“ il pubblico ha apprezzato enormemente la performance, con un Lino Volpe abile a coinvolgerlo fin da subito, tra battute e colpi di scena. Insomma, uno spettacolo intenso e leggero allo stesso tempo.”

Andrea Parente – JAZZIT

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è JAZZ-STORY-Lino-Volpe-a-telefono-1024x1024.jpg
Lino Volpe, in una scena dello spettacolo

INFO SULLO SPETTACOLO

Questo spettacolo mette insieme le mie due grandi passioni, il teatro e il jazz

Da tempo riflettevo su un testo teatrale nel quale raccontare l’epopea del jazz, un genere musicale, ma anche un modo per incontrare personaggi ormai divenuti mitici, come Armstrong, Glenn Miller, Charlie Parker, frammenti di una storia apparentemente lontana, ma che invece appartiene di fatto, al nostro orizzonte storico e culturale”.

I fumetti animati, proiettati durante lo spettacolo, sono stati affidati all’illustratrice Silvana Orsi, che ha curato, tra le altre cose, il documentario “Bird Lives! Story”, dedicato al sassofonista Charlie Parker.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 00002.01_12_53_16.Immagine018-1024x576.jpg
Una scena dello spettacolo con i fumetti animati di Silvana .Orsi

Questo spettacolo è intervallato e sostenuto dalla musica e dai musicisti, che diventano elementi attivi all’interno della macchina teatrale, interagendo nel testo, con trovate musicali e partecipando anche in un paio di scene.

Tony Monten, “minaccia i musicisti” e spara per sbaglio Marco Zurzolo

La musica: Il jazz in questo spettacolo concorre con il suo paesaggio sonoro a definire le atmosfere storiche nelle quali si svolge la vicenda narrativa, che vanno dalla New Orleans, del quartiere a luci rosse di Storyville, passando per la Chicago degli anni 20, popolata da gangster, e immersa in pieno periodo proibizionista, e arriva sino alla New York elettrica e veloce del be bop.

Marco Zurzolo, Gianni D’Argenzio e Pietro Condorelli, durante l’esecuzione di Sweet Georgia Brown

TONY MONTEN: Per delineare i tratti di Tony Monten ho lavorato a lungo, alla fine ne è uscito un personaggio controverso, ironico, sentimentale, ma allo stesso tempo una canaglia in grado di truffare anche il suo migliore amico, il risultato è divertente, e molto gradito al pubblico sin ora incontrato.

IL LINGUAGGIO: “Mi sono a lungo soffermato sulla costruzione sonora del linguaggio da fare utilizzare a Tony Monten, finendo per approdare in uno slang, nel quale convivono, le sue radici siciliane, con la parlata tipica degli italiani d’America, un suono a metà tra Donnie Brasco e i Soprano”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 00002.02_10_42_11.Immagine034-1024x576.jpg
Saluti finali al teatro Sannazzaro di Napoli, con Giovanni D’Argenzio, Pietro Condorelli, e Marco Zurzolo, ospite dello spettacolo

La colonna sonora, rigorosamente eseguita dal vivo, contiene capolavori del jazz, brani di Duke Ellington, Charlie Parker, Dizzy Gillespie, Thelonius Monk, ma anche pezzi famosissimi, come In The Mood, e Lover man”

Maurizio Conte al sassofono e Pietro Condorelli alla chitarra, durante una scena dello spettacolo al teatro Villoresi di Monza

Gli appassionati di jazz, in questo spettacolo troveranno, spunti, annotazioni e citazioni, i neofiti, troveranno uno spettacolo brillante, una storia divertente, che attraverso la vita del “favoloso” Tony Monten, li accompagnerà in retroscena e aneddoti pieni di pathos e umanità.

https://www.youtube.com/watch?v=rdh9sIohO6w