Da Gershwin a Bill Evans

Quando il “classico” diventa “Jazz

Nell’ambito della mia collaborazione con il Conservatorio Nicola Sala di Benevento, dove da qualche mese sto insegnando Musica Media e Tecnologia, ho avuto il piacere di essere invitato dal Maestro Antonino Armagno, docente Pianoforte Jazz, a partecipare al suo progetto “Da Gershwin a Bill Evans” (quando il “classico” diventa “Jazz”).

Lo spettacolo/reading è andato in scena sabato 22 Giugno al Teatro San Vittorino, all’ interno dei concerti organizzati dal Conservatorio, per la festa della musica, che ha animato la città Sannita da venerdì 21 e domenica 23 Giugno.

Diecine di concerti, progetti e master class, con protagonisti maestri e allievi, coinvolti senza soluzione di continuità in uno scambio di ruoli formativo e creativo.

Il programma e il progetto proposto dal Maestro Armagno, mi ha subito coinvolto, Gershwin e Bill Evans, due compositori apparentemente così distanti e pure così vicini e fondamentali, per chiunque si approcci allo studio e alla pratica del jazz.

Sul palco insieme al Maestro Armagno, gli allievi: Giuseppe Adrigeri  che ha suonato il Basso elettrico, Alessandro Cioffi, alla batteria, e Carmen Del Vecchio e Simona Mitilini  alle voci.

Il mio compito, quello di introdurre al pubblico i contesti storici, e le cifre artistiche di due giganti del jazz e della musica americana.

La scaletta ha proposto veri e propri classici come: THE MAN I LOVE, BUT NOT FOR ME, SUMMERTIME,  WALTZ FOR DEBBY, SOMEDAY MY PRINCE WILL COME, e si è concluso con l’intramontabile I GOT RHYTHM.

Il pubblico ha gradito e applaudito, una bella esperienza, formativa, didattica e creativa, che sicuramente arricchirà lo studio dei giovani e talentuosi allievi. 

Per me l’occasione di mettere le mani dopo tanti anni su due personaggi, due protagonisti assoluti della musica del ‘900.

One thought on “Da Gershwin a Bill Evans

  1. Grazie a te caro Lino … molto preziosa e’ stata la tua collaborazione e hai fatto diventare tutto più intellegibile ed emozionante .. a presto per nuovi progetti insieme …

    Antonino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *